Ora sei in:Roma Capitale: la Casa del Papà non lascia ma raddoppia.

Roma Capitale: la Casa del Papà non lascia ma raddoppia.


Pubblicato il: 20/11/2011

Equiparazione della  categoria dei genitori separati con figli minori non conviventi - costretti a lasciare la propria abitazione a seguito di sentenza di separazione/divorzio o decreto del Tribunale per i Minorenni – allo status di cittadini sfrattati per finita locazione,

Ciò consentirà loro di usuruire di assistenza alloggiativa temporanea nella prima fase di emergenza e successivamente di  accedere all’edilizia agevolata sulla base del reddito.

 

Questo è quello che la Gesef propose nel 2008 all'Assessorato  al Patrimonio, alla Casa, ai Progetti Speciali  del Comune di Roma quanto fu ricevuta in audizione ad inizio Consiliatura nell'agosto del 2008.

Oggi tale duplice proposta si concretizza. Con la nascita della Casa del Papà 2, Sveva Belviso, Vicesindaco di Roma Capitale,  così dichiara alla tampa:

“Grazie alla Casa dei Papà 2 offriamo un ulteriore aiuto a quei padri separati che, anche a causa della grave crisi economica mondiale, non riescono in un anno a ricostruire la propria autonomia economica e sociale. All’interno del nuovo Piano regolatore sociale, inoltre, abbiamo modificato la delibera n. 163 che regola gli sfratti, equiparando a questa situazione i papà separati o, in generale, il coniuge non affidatario: in questo modo, così come succede per le persone sfrattate, anche i padri separati potranno avere i 10 punti previsti dalla norma, mettersi in lista per avere un alloggio popolare e avere un contributo fino a 513 euro.”

La“Casa dei papà 2”, è una struttura destinata ad accogliere, per altri 12 mesi, i padri che non sono riusciti a riconquistare l’autonomia economica e sociale dopo il primo anno di soggiorno nella Casa dei Papà 1 di Torre di Prato Lungo. Sono dieci appartamenti, di circa 65mq, in zona Infernetto, dotati di ogni comfort.

La struttura è nata per favorire l’integrazione di quei padri che vivono una fase temporanea di difficoltà economica. Ogni appartamento è composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale e divano letto in salotto, bagno e terrazzo. A disposizione degli ospiti della struttura, oltre al giardino interno, anche una villa adiacente al condominio adibita a spazio comune con studio, area ludico-ricreativa per i più piccoli e spazi per le attività di supporto familiare, legale e psicologico.

Piccole grandi idee crescono e si rafforzano.

In epoca Veltroniana c'era solo avversione e derisione alle nostre proposte.

Con la Giunta Alemanno abbiamo una concreta risposta ai bisogni dei genitori separati della città di Roma.   

23 anni di Bigenitorialità negata a figli di genitori separati.

Per loro

Pres. Vincenzo Spavone

Pres. Vincenzo Spavone

Padri al Colosseo

Padri al Colosseo

Tutela de i minori

Tutela de i minori

Incontro con la GESEF

Incontro con la GESEF